Tutti i tecnici che si occupano di programmazione plc, si trovano prima o poi a fare i conti con i segnali analogici.Come vanno gestiti? Quando utilizzarli? Che differenza c’e’ rispetto ai segnali digitali?

Cerchero’ di dare qualche risposta a queste domande, anche se l’argomento è complesso e in un articolo puo’ essere trattato solo in modo sommario! Diversamente dai segnali binari che possono assumere solo 2 stati (0-1), i segnali analogici  possono assumere tutti i valori compresi nella grandezza fisica che dobbiamo controllare.

Questi valori sono contenuti all’interno di un determinato rangee compresi tra un valore minimo e un valore massimo, entrambi noti.

 

Nell’ esempio in figura il segnale analogico rileva i valori di temperatura compresi tra 0°C e 200°C.

L’utilizzo dei segnali analogici è indicato in tutte quelle applicazioni, dove è necessario rilevare e gestire le grandezze fisiche come la Temperatura, la Pressione, l’Umidità, il Peso etc.
Trovano maggior impiego nelle macchine di collaudo e nel controllo di processo.

Per quanto riguarda la gestione dei segnali analogici, bisogna partire dalla scelta dell’ hardware.
Scelte che vengono dettate dalle esigenze dell’ applicazione da realizzare.
Forma” e “Tipo” del trasduttore, “Range” di lavoro, “Risoluzione“, Uscita del trasduttore (se a 2, 3, o 4 fili), tipo di “Collegamento“se in tensione, in corrente, resistenza etc.

 

Dopo aver collegato fisicamente il dispositivo analogico al modulo, bisogna assegnargli un indirizzo fisico del plc. Ovviamente questo cambiera’ in base al tipo di plc da utilizzare (esempio: PEW210 per S7300 Siemens, I:8.0 x SLC500 Allen Bradley).

L’ultima fase è quella di creare una funzione all’interno del programma plc, che sia in grado di restituire “sempre” il valore corrente della grandezza da controllare. Questa funzione viene chiamata Scaling.
Cosa fa? Esegue una proporzione continua, tra il valore dei bit del canale analogico (es. 0-27000), e il range di lavoro della grandezza controllata (es. 0-200°C).

Ad esempio per rilevare il valore di una temperatura all’interno di una pressa, si può decidere che l’intervallo da 0 a 250°C corrisponda all’intervallo di tensione da 0 a 10Volt, bisogna poi convertire i “gradi” in “tensione”, mediante un trasduttore di misura. Se viene rilevata una temperatura di 100°C , il trasduttore genera in uscita un valore pari a +4Volt in base alla formula: 250:10=100:X ——> X=4(V).

Questi concetti sono validi per tutti i tipi di plc. Quello che cambia è la routine di gestione dello scaling, per via delle istruzioni che si hanno a disposizione all’interno di ogni ambiente di programmazione.

Ho dedicato un’intera sezione, alla gestione dei segnali analogici tramite plc, nei Videocorsi  S7300 Avanzato  e S7-200 di Siemens. Potrai così finalmente imparare, o approfondire, uno degli argomenti più discussi e complessi legati alla programmazione dei plc.

Ciao e al prossimo articolo.
Gilberto.

 

 

I segnali analogici nel Plc
  • alin

    molto interesante questo argomento!non lo sapevo,grazie ho imparato unaltra cosa sul PLC che non sapevo.ti ringrazio ancora per tutti gli argomenti che prepari ogni giorno!!bel sito continua cosi!!

  • Francesco

    il professore é sempre concreto e con un linguaggio semplice permette a chi legge di apprendere velocemente. Questo sistema è essenziale per chi come me ha poco tempo per studiare e inizia dopo le 22 quando il livello di concentrazione cala.
    buon lavoro

  • Valentino Palazzo

    come al solito sintetico ma efficace,grazie

  • Gian Carlo Vacca

    l'articolo è veramente interessante e merita di essere approfondito con particolare riferimento al PLC siemens S7200.
    Saluti Gian Carlo

  • Gian Carlo Vacca

    Carissimo Gilberto, leggo con piacere i tuoi articoli con particolare riferimento a quelli pertinenti il plc Siemens S7200. Colgo l’occasione per chiederti se hai un corso sulle applicazioni dei segnali analogici nell’S7200 con degli esempi pratici,
    Cordiali saluti Gian Carlo

    • Anonimo

      Ciao Giancarlo,
      quando si dice il caso! Tra qualche settimana sarà disponibile il nuovo Videocorso sui plc S7-200. All’interno ci sarà una intera Sezione dedicata alla gestione dei segnali Analogici, sia quelli di Ingresso che quelli di Uscita.
      Spero sarai in prima fila all’apertura dell’evento.
      A presto.

  • Rallo Vito

    Caro  Gilberto se  possibile potresti scrivere qualche articolo per  programmi  base omron
    grazie  ciao.

    • Anonimo

      Ciao Vito,
      scriverò qualcosa sicuramente in futuro. Probabilmente non come articolo ma come Report per gli iscritti. Ciao e a presto.

  • Buon giorno mi permetto di congratularmi dalle chiara esposizione del corso, purtroppo non sono riuscito a liberarmi mentalmente per seguire la varie fasi del corso
    magari in un prossimo futuro che sarò piu libero mi è gradita l’occasione per inviarle distinti saluti

    • gil46disq

      Ciao Domenico,
      ogni cosa a suo tempo. Anche io vorrei fare tante altre cose e non sempre ci riesco. L’importante è essere comunque attivi e non fermarsi, scoprire nuove cose e affinarne le conoscenze.

  • Andrea Bertulu

    Ciao carissimo Gilberto sono Andrea da Bergamo.Io lo sai ho avuto un sacco di problemi la morte improvvisa di mio fratello a 49 Anni per un tumore porca miseria bastasse la logica di un plc per salvarli tutti mi darei da fare al massimo per imparare sempre di più!Io Amo la Vita le brave persone che come tè sanno usare il cuore in una lezione prettamente Tecnica.Batti tanti Professori laureati nell,insegnare la logica programmabile perchè ripeto ci metti il cuore e tanta sapienza perchè sai cogliere le difficoltà di chi deve iniziare ad imparare.Cosa aggiungo a parte i miei complimenti per la qualità del tuo insegnamento è solo che non posso acquistare il tuo corso (costa davvero il giusto)in quanto ho 2 bambine da crescere le mie nipotine poi sai già che sono in mobilità ma basta problemi miei che non c,entrano niente e ti rinnovo i miei complimenti per quello che sai insegnare a tutti con una qualità ormai scomparsa!Grazie di tutto Bertulu Andrea

    • gil46disq

       Ciao Andrea,
       il tuo messaggio è toccante. Fuori dagli schemi.

      Se con le mie mail che ricevi come news, riesco a distrarti per 5 minuti dai tuoi problemi, ne sono felice! La vita è piena di insidie, e le sfide che dobbiamo affrontare ogni giorno, aumentano sempre di più! Ma niente è per sempre! Continua la tua opera di tutore e stai su, le cose si aggiusteranno.
      Ti ringrazio per gli apprezzamenti.

      Ad Majora.

  • Walter Valenti

    Ciao Gilberto,
    Tuttto chiaro, una proporzione per calcolare il valore del segnale in arrivo alla scheda plc. Essendo alle prime armi quello che mi piacerebbe sapere è dove e come fare a riscalare tale valore.

    Salutoni da Walter

    • gil46disq

      Ciao Walter,
      intanto devi vedere il tipo di plc che hai a disposizione.
      In ogni caso il modo più semplice è realizzare la proporzione, utilizzando le variabili interne del plc. Il risultato di tale proporzione sarà il valore “scalato” del segnale Analogico.

  • Ciao Gilberto
    io mi sono occupato di programmazione di microcontrollori Microchip in linguaggio assembler costruendomi io stesso l ‘hardware per il controllo delle macchine. Spesso mi capita di intervenire su sistemi già installati ed ho l’esigenza di trovare la corrispondenza tra il linguaggio e metodiche assembler con il linguaggio Ladder. Molto interessanti sono i tuoi video ma trovo meglio consultabili i preziosi PDF che ho importato anche sul mio cellulare per poterli visionare anche nei momenti di vuoto.
    Ciao Grazie

    • gil46disq

      Ciao Mario e grazie per il tuo intervento.
      Complimenti per le tue competenze. Purtroppo la corrispondenza tra assembler e ladder non è così immediata. E’ molto più facile compararlo ai linguaggi IL “Instruction List”, che molti plc mettono a disposizione come alternativa, nei vari Ambienti di programmazione.

      Mi fa piacere che apprezzi i report in pdf che metto a disposizione. C’è chi preferisce i Video, chi i report in pdf, chi articoli sul Blog…

      Ciao e a presto.

  • Scumpu George

    Ciao Gilberto, sto seguendo con grande interese tutti gli articoli che riguardo il mondo degli PLC, in particolare quelli della Siemens.
    Come consigliato, voglio partire dal S7200 per arrivare a S7300 e tutti gli altri.
    Grazie mille per le mail che mi stai inviando, le leggo sempre con tanto piacere.
    Distinti saluti,George

    • gil46disq

      Porsi degli obiettivi e cercare di raggiungerli è il primo passo per stare bene con se stessi. Spero che tu mantenga questo atteggiamento nel tempo… Ciao e continua così!